lunedì 7 marzo 2011

Tre


Tre sono i toreri, e di conseguenza tre sono le coppie di tori.
Tre paia di banderiglie e tre gli avvisi: e tre atti, naturalmente, non a caso chiamati tercios.
I subalterni sono tre, e tre sono gli officianti: matador, peone, picador.
Tre siedono alla presidenza, e la pista è divisa in tre settori: alle tavole, nel mezzo, e in centro.
Sole, sole e ombra, ombra, sono le tre categorie di posti all'arena.
I canoni del buon toreo sono, indovinate un pò, tre - parar, templar, mandar - così come tre sono gli stati del toro: levantado, parado, aplomado.
Tre sono le categorie di arene, tre sono le corse - novigliada senza cavalli, novigliada, corrida.
Tre gli strumenti per uccidere (spada, descabello, pugnale), tre i posizionamenti in suerte prima che non siano usate le banderiglie nere.

Sono sicuro che il misterioso legame del tre con la corrida non finisce qui.

Beh, certo, un paio di tre possiamo trovarne ancora.
Così come di Rafael Lazaga Julia, ad esempio sentiremo parlare molto anche di un certo 3.3 - ma ne diremo più avanti.

Soprattutto, Alle cinque della sera è qua da tre anni.
Era il febbraio del 2008.

(foto Ronda)


5 commenti:

El Pana ha detto...

Tre era sistematicamente il mio voto nella versione di latino....

El Pana

Anonimo ha detto...

tre come rabo, cocido e bonet
tre come piemonte, emilia, lazio.
com'è piena di tre la vita...

Marzia

ferriko ha detto...

sono riuscito a fare meglio in latino...
mai meglio in arena,
ma le didascalie non sono il mio forte...
eppure la mia hacienda si chiama studio3

Angelo ha detto...

TRE di Mascheroni -Borella
(fox trot inizio anni trenta)

Tre son le cose che fanno per me
tre son le cose che voglio da te
tre soltanto tre, tre, che fan da sé
ma di queste tre
una ce n'è che ha da valer per tre....

Auguri Luigi!

Anonimo ha detto...

3 come il triplete? Roma, Siena, Madrid. Perchè non ve lo ricordate?