martedì 12 gennaio 2010

Cesar Rincon e Bastonito

Era il 7 giugno del 1984 e a Madrid il caso diede appuntamento a Cesar Rincon e Bastonito, di Baltasar Iban.
Il loro rendez-vous è da allora trasceso dalla cronaca alla leggenda: per gli aficionados il nome di Bastonito evoca suggestioni quasi mitologiche, i presenti a Las Ventas quel giorno sono assurti al rango di testimoni della storia, e le vhs clandstine sono passate di mano in mano per decenni, preziosa eredità da trasferire alle nuove generazioni, inestimabile patrimonio da condividere.

Avevamo visto Bastonito e Rincon a Parigi, una sera di ottobre.
A volte all'arena capita di scoprirsi la pelle d'oca, sotto il cotone della camicia o a fior di pelle sotto il sole del pomeriggio: ma quando i brividi bucano lo schermo, allora davvero si è di fronte a qualcosa di grande.
Cose che capitano raramente, molto raramente, la corrida costituzionalmente impossibilitata a sopportare la riduzione ai 20 pollici, la differita, lo zoom estremo e il rewind.

Quelli della Cabana Brava di Saragozza, sia lode a loro, hanno messo online il video di Rincon e Bastonito.
Finisce subito qui, sulle pagine di Alle cinque della sera.
Per le stesse ragioni di cui sopra, il blog non ospita video: in ormai due anni di attività l'onore è toccato, sino ad ora, al solo Clavel Blanco.
Questa seconda eccezione era cosa obbligata.

Guardate Bastonito e Cesar Rincon combattere, è un'ode alla tauromachia.

7 commenti:

Anonimo ha detto...

Che toro, e che torero !

Vediamo se qualcuno impara finalmente cosa significa TOREARE UN TORO CON CASTA e capisce la differenza con "pegar pases" a un animale idiota, invalido e menomato nelle difese, come fanno certi "artisti" tanto ammirati dai piccoli fans...

Saluti

Marco

Anonimo ha detto...

Poesia con le corna...
Marco.

Angelo ha detto...

Fantastico! Avevo appena appoggiato sul tavolo il libro di Wolff dopo aver letto di Bastonito e Rincon, vado al pc, apro il blog e vedo lo storico filmato della corrida. Grazie maestro!

RONDA ha detto...

Un toro e un torero, l'essenza della tauromachia.

Anonimo ha detto...

Mi piace sempre far notare come il toreo di Rincon sia "generoso" con il toro, gli dia vantaggio, lo "faccIa vedere", lo metta in risalto e consente al pubblico di apprezzarne le qualità. Non ci sono trucchi per "sembrare estetico" e scampare il pericolo, e infatti la tensione è palpabile, il rischio evidente. LA VERITA' DEL TOREO.

Saluti.

Marco

borguez ha detto...

sono lieto che qualche volta si riesca a contravvenire ai propri propositi e a rendere "visibile", a me profano, una passione che le tue parole nobilitano e vivificano.
quelli come me (tapini) necessitano di qualche aiuto e di un poco di comprensione: lo rivedo per la terza volta e resto rapito dall'intensità.
perdona la banalità,
e capiscimi.
a presto,
borguez (un lettore silenzioso)

RONDA ha detto...

Ciao Borguez, piacere di ritrovarti di qua: una visita inaspettata e gradita davvero.
Sì è vero, ci sono pochi video su Alle cinque della sera e ce ne saranno sempre pochi: la corrida va vista con gli occhi e con il corpo, sentita sulla pelle, annusata e respirata, e inevitabilmente all'arena.
Ma a volte, per una rara combinazione di coraggio e bravura, di casta e sincerità, un uomo e un toro riescono ad accoppiarsi perfettamente, il combattimento diventa un'arte e l'arte si fa combattimento, e la riduzione in video non solo non sminuisce ma addirittura riesce a restituire la grandezza di quei momenti.
Rincon e Bastonito sono stati protagonisti di uno di quelli, ed era giusto metterli in vetrina.

A rileggerti presto
ciao